domenica 31 marzo 2013

Un piatto tutto verde!



La mia nuova passione è la catalogna... non credo di averla mai assaggiata in passato... ma, da quando ho scoperto il suo gusto amarognolo, la adoro!! in tutti i modi... ci ho anche fatto la pasta e l'ho trovata strepitosa..... perfetta abbinata ai pistacchi per un primo piatto tutto verde!!!!! E con questa ricetta auguro a tutti una felice Pasqua!!!!

Nuvole alla crema di catalogna e pistacchi

Ingredienti:
  • 170 g di nuvole  
  • Uno spicchio d'aglio
  • Mezzo cespo di catalogna
  • Un rametto di rosmarino
  • 2 cucchiai di pistacchi tostati (più qualcuno da usare tritato come completamento del piatto)
  • 2 cucchiai d'olio extravergine d'oliva
  • Sale q.b.
Far rosolare l'aglio schiacciato e il rosmarino con un filo d'olio evo. Intanto lavare con cura la catalogna e metterla nella padella con gli aromi e farla cuocere per 10-15 minuti circa aggiungendo un paio di mestoli d'acqua. Far cuocere la pasta in abbondante acqua salata. Quando la catalogna sarà pronta frullarla con il frullatore ad immersione aggiungendo un paio di cucchiai d'olio e un paio di cucchiai di pistacchi e regolare di sale. Se il condimento dovesse risultare troppo denso aggiungere anche qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta. Una volta che la pasta sarà cotta farla saltare qualche istante nella padella con il condimento. Completare ogni piatto con qualche pistacchio tritato. 

Lo sapevate che la catalogna…

.... è una varietà di cicoria italiana dal caratteristico sapore amarognolo, di cui si mangiano le foglie? Viene chiamata anche "cicoria asparago" per la sua forma eretta. Ha foglie verde scuro, frastagliate, di forma allungata e coste bianche. Ci sono comunque almeno due tipi: uno più alto ed eretto, che, essendo più amaro, si presta meglio alla cottura; l'altro, più basso, a costa larga, i cui germogli si nascondono all'interno del cespo, sono buonissimi da mangiare crudi (spesso con aggiunta di aglio e acciughe sotto sale) e sono noti come puntarelle, piatto tipico della cucina romana e diffusi anche nella cucina campana.
La catalogna era nota fin dall’antichità per le sue proprietà fitoterapiche. Già Galeno la indicava come dotata di proprietà medicamentose. Grazie al suo sapore amaro stimola le secrezioni digestive ed ha proprietà lassative e diuretiche, depurative e disintossicanti. Ha poche calorie, è ricca di sali minerali come potassio, fosforo e calcio e di vitamina A e vitamina C. Inoltre, ha azione vasodilatatrice e stimolante della circolazione. La regione Lazio ha riconosciuto la tipicità di questo ortaggio inserendolo nell'elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani col nome cicoria di catalogna frastagliata di Gaeta (puntarelle) corrispondente alla varietà che viene consumata cruda. La regione Veneto ha riconosciuto la Cicoria catalogna di Chioggia che invece viene generalmente consumata dopo essere stata lessata, servita su piatti asciutti e con aggiunta di tabasco in polvere. 

fonte: il Web
sabato 23 marzo 2013

Crostata vegan buonissima


.: This is what you are - Mario Biondi:.

Una crostata da gustare senza troppi sensi di colpa, ma, nel contempo, buonissima!!!!

Crostata vegan



Ingredienti:

  • 300 g di farina 
  • 150 g di fecola di patate
  • 60 g di zucchero di canna
  • 120 g di acqua
  • 135 g di olio d’oliva dal sapore delicato
  • Un cucchiaino di cremor tartaro o lievito per dolci
  • Scorza grattugiata di un limone/arancia
  • Vaniglia
  • Un vasetto di confettura a piacere (io frutti di bosco)
Sbattere l'olio con lo zucchero, la scorza grattugiata e la vaniglia. Aggiungere la farina e la fecola setacciate col lievito, il sale e a poco a poco l’acqua e impastare fino ad ottenere un composto omoegeneo. Preriscaldare il forno a 180°. Stendere l'impasto nello stampo (tenendone un po' da parte per la griglia), coprire con la confettura e creare delle strisce (che io ho arrotolato su se stesse) con l’impasto avanzato con cui ricoprire la base. Cuocere per 40-45 minuti circa nel ripiano più basso del forno.

Lo sapevate che la fecola di patate…

...è una farina ricavata con l'essiccamento e la successiva macinazione della patata? Composta essenzialmente dall'amido delle stesse, si presenta alla vista come una polvere di colore bianco. Essendo totalmente inodore e particolarmente leggera è usata come addensante per creme e nella pasticceria in generale. Trova applicazione nella preparazione ad esempio di torte e altri dolci da forno che contribuisce a rendere soffici. La fecola di patate è stata anche utilizzata in una delle prime tecniche di fotografia a colori, l'autocromia, brevettata dai fratelli Lumiere, più noti per essere stati gli inventori della cinematografia piuttosto che per quest'altra loro invenzione in campo fotografico. Eppure, l'autocromia, brevettata nel 1903 e commercializzata nel 1907, è stata la principale tecnica di fotografia a colori fino all'avvento negli anni trenta delle pellicole a colori sottrattive. Inoltre, se mescolata all'acqua, dà origine ad un fluido non newtoniano, che aumenta notevolmente la propria viscosità se sottoposto a una forza sufficiente, comportandosi in maniera simile a un solido. È sufficiente provare: in un bicchiere, mettere 34 % di acqua e 66 % di fecola di patate, mescolare bene. Provare a immergere un dito lentamente, poi dando un colpo forte: è impossibile muovere o immergere il dito. L’industria la utilizza per produrre glucosio, alcol ed esplosivi.
 
fonte: Wikipedia
domenica 17 marzo 2013

Poco tempo per fare gli gnocchi???



Continua la serie delle ricette di gnocchi velocissimi da fare in alternativa ai classici gnocchi di patate.... Dopo questi, questi e questi, oggi vi propongo degli gnocchi fatti con la semola che restano belli morbidi come piace a me e la cui preparazione richiede meno del tempo necessario al condimento per cuocere.... Li ho conditi con un sugo semplice ma profumatissimo a base di pomodoro, capperi, olive e origano, i tipici sapori del Mediterraneo... Non c'è niente da fare, il sugo che preferisco per gli gnocchi è proprio quello con il pomodoro... se avete poco tempo e un'incredibile voglia di gnocchi, questa è la ricetta che fa per voi!!!!!

Chicche di semola alla mediterranea


Ingredienti per le chicche:
  • 150 g di semola
  • 390 g di acqua
  • Un pizzico di  sale
Ingredienti per il sugo:
  • 400 g di passata di pomodoro
  • Uno spicchio d’aglio
  • Un cucchiaino di capperi sminuzzati
  • 1-2 cucchiai di olive nere spezzettate
  • Un cucchiaino di origano
  • Una manciata di Pecorino grattugiato
  • Olio evo q.b.
  • Sale q.b.

Far rosolare l’aglio schiacciato, i capperi tritati e le olive in una padella con un filo d’olio evo. Aggiungere poi anche la passata e portare a cottura. A fine cottura aggiungere l'origano e regolare di sale. Intanto far scaldare l’acqua, aggiungere poi il sale e la semola a pioggia mescolando continuamente e far cuocere per 10 minuti. Infarinare il piano di lavoro, formare dei filoncini di 1 cm circa di spessore e tagliarli a tocchetti. Farne delle palline passandoli tra i palmi delle mani.  Far cuocere gli gnocchi in acqua salata e scolarli con una schiumarola non appena vengono a galla. Far saltare gli gnocchi nella padella con il condimento. Impiattare e completare con il Pecorino grattugiato.

Lo sapevate che il cappero…

... è un piccolo arbusto tipico della flora mediterranea (famoso quello di Pantelleria) e originario dell'Asia minore e della Grecia? Cresce spontaneamente in terreni calcarei, scoscesi ed asciutti. Della pianta si consumano i boccioli, detti capperi, e, più raramente, i frutti. La raccolta dei boccioli si effettua tra la fine di maggio ed i primi di settembre, periodo in cui  il cappero inizia la fioritura; i boccioli devono essere raccolti il prima possibile, non appena germogliano. Utilizzati in gastronomia da millenni, si raccolgono ancora chiusi e si conservano in macerazione sotto sale o sotto aceto. Il frutto, detto cucuncio, cocuncio o capperone, invece, è composto da una bacca che internamente ha molti semi neri e ha sapore simile ma più delicato del cappero. Si trova in commercio sotto sale, sott'olio o sotto aceto e  viene usato tradizionalmente nella cucina eoliana per condire piatti di pesce. Gli eoliani usano anche dissalare i cucunci o i capperi e consumarli al pari di una qualsiasi verdura, di solito in insalata. In ambito culinario vengono utilizzate anche le giovani foglie come insalata, previa cottura per pochi minuti in acqua bollente. I capperi contengono più quercetina in rapporto al peso che ogni altra pianta. In erboristeria è utilizzata la corteccia della radice. I capperi hanno proprietà diuretiche, antispasmodiche, aperitive, toniche e protettrici dei vasi sanguigni. Un infuso preparato con radici di cappero e germogli giovani era utilizzato in medicina popolare per alleviare i reumatismi. Recentemente si è appurata, per gli estratti secchi da frutto di Capparis (specie se associati a Olea europea, Glycyrrhiza glabra e Ribes nigrum) un'attività antiossidante cutanea, antiflogistica ed antistamino-simile, valida nelle dermatopatie allergiche. Fin dall'antichità, infine, al cappero vengono attribuite proprietà afrodisiache. 

fonte: il Web

venerdì 8 marzo 2013

Passione Fiocchi d'Avena


.: Quello che le donne non dicono - Fiorella Mannoia:.

Questi sono stati i primi biscotti con i fiocchi d'avena che ho fatto... In realtà, dovevo fare la frolla solo per fare questa crostata ma ho pensato di prepararne un po' di più per fare anche dei semplici biscotti a cui aggiungere per prova un po' di fiocchi d'avena che avevo comprato da poco... da allora ho usato l'avena altre volte e in ogni ricetta mi è sempre piaciuta... ad esempio altri biscotti favolosi sono stati questi.... una delizia... come quelli di oggi del resto... poi l'avena fa così bene e quindi un motivo in più per prepararli!!!
E, visto che oggi è l'8 marzo, dedico a tutte noi questa poesia di una grandissima donna....

Dedicato alle donne

Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe,
i capelli diventano bianchi,
i giorni si trasformano in anni.
Però ciò che è importante non cambia;
la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
Il tuo spirito e` la colla di qualsiasi tela di ragno.
Dietro ogni linea di arrivo c'è una linea di partenza.
Dietro ogni successo c`e` un`altra delusione.
Fino a quando sei viva, sentiti viva.
Se ti manca cio` che facevi, torna a farlo.
Non vivere di foto ingiallite...
insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.
Non lasciare che si arruginisca il ferro che c'è in te.
Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto.
Quando a causa degli anni
non potrai correre, cammina veloce.
Quando non potrai camminare veloce, cammina.
Quando non potrai camminare, usa il bastone.
Però non trattenerti mai!
Madre Teresa di Calcutta

Biscotti ai fiocchi d'avena al profumo d'arancia


Ingredienti:
  • 185 g di farina di mais fioretto
  • 90 g di fecola di patate
  • 35 g di farina di riso
  • 150 g di burro
  • 125 g di zucchero a velo
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di sale
  • Vaniglia
  • Scorza di un’arancia grattugiata
  • 50 g di fiocchi d’avena


Preparare la frolla mettendo le farine setacciate a fontana. Aggiungere  il burro freddo di frigorifero tagliato a pezzetti e sfregarlo con le dita insieme alla farina. Non appena si sarà ottenuto uno sfarinato, fare una fontana, mettere al centro lo zucchero, l’uovo, un pizzico di sale, la vaniglia e la scorza grattugiata. Con una forchetta sbattere questi ingredienti finché saranno ben amalgamati e unire a poco a poco la farina intorno facendola assorbire alle uova. Aggiungere anche i fiocchi d’avena, continuare a impastare e, quando si sarà ottenuto un composto omoegeneo, formare una palla, avvolgerla nella pellicola e farla riposare in frigo per almeno una mezz’oretta. Preriscaldare il forno a 180°. Stendere l'impasto dello spessore di 4-5 mm circa, formare i biscotti, disporli su una teglia e cuocerli per 15 minuti circa.

Lo sapevate che l'avena…

..., in quanto tollera molto bene le temperature basse, è un cereale molto coltivato nei paesi del nord Europa come Germania e Russia? In Italia viene utilizzato prevalentemente per il foraggio dei cavalli e molto poco per l'alimentazione umana. 

Fin dai tempi più remoti erano note le proprietà benefiche dell'avena per la pelle; infatti, mentre da un lato ha una notevole azione detergente, dall'altro l'avena è caratterizzata da una notevole delicatezza e rispetta quindi le funzioni epidermiche principali senza avere quegli effetti indesiderati che molti detergenti hanno. Per questi motivi gli estratti di avena vengono utilizzati per la preparazione di creme ed oli per la cura della pelle, in particolar modo come emolliente per pelli particolarmente secche o irritate.
Sempre grazie alla sua delicatezza, l'avena viene anche impiegata per la preparazione di creme emollienti per bambini. Con tre cucchiai di farina di avena impastati con un paio di cucchiai di aceto di sidro si può ottenere un composto da applicare sul viso al fine di ottenere una maschera emolliente per il viso. Si lascia seccare e si risciacqua.


Invece, con la crusca e la paglia si possono fare infusi con proprietà sedative sul sistema nervoso; i decotti invece avranno un effetto diuretico ed antinfiammatorio.


fonte: il Web

sabato 2 marzo 2013

Mozzarella... che ci faccio???



Non sono una grande fan della mozzarella (a meno che non si parli di una vera mozzarella, come quella meraviglia mangiata due anni fa in Campania), e soprattutto non la amo particolarmente in questa stagione... E così la compro quasi solo per mettere sulla pizza o se viene voglia al mio fidanzato (cosa che oltretutto non capita così spesso)... la scorsa settimana ne avevo due in frigo in scadenza e zero voglia di mangiarle così e allora perchè non metterla nella lasagna alla crema di zucca che stavo pensando di fare??! in realtà non amo la mozzarella neanche nella lasagna, soprattutto se c'è il ragù, trovo che la renda più massiccia, corposa, insomma, non mi piace... ma in questa ricetta ho pensato che proprio male non ci sarebbe stata, la sua consistenza avrebbe spezzato un po' l'effetto cremoso della zucca... e il gusto dei due ingredienti poteva sposarsi più che bene.... e poi in qualche modo dovevo pur usarla.... così l’ho impiegata proprio per intervallare gli strati di questa lasagna e, per evitare l’effetto compatto ed elastico tipico dei pezzi di mozzarella, l’ho sminuzzata piccola e devo dire che il risultato non è stato per niente male…. 

Lasagne alla crema di zucca e mozzarella



Ingredienti:

  • 150-160 g di lasagne all’uovo
  • 400 g di zucca
  • 200 g di mozzarella
  • 2-3 chiodi di garofano
  • Qualche foglia di alloro
  • Un rametto di rosmarino
  • Mezza cipolla
  • Sale q.b.
  • Parmigiano grattugiato q.b.
  • Olio evo q.b.

In una pentola lessare la zucca con la cipolla e gli aromi. Salare e, quando la zucca sarà cotta, togliere gli aromi e frullare col frullatore ad immersione. Sbollentare le lasagne in acqua bollente con un filo d’olio. Disporre uno strato di sfoglia all’uovo in una pirofila leggermente unta, ricoprire con un po’ di crema di zucca, poi con la mozzarella tagliata a pezzetti piccoli e poi con un po’ di Parmigiano. Continuare fino ad esaurimento degli ingredienti. Porre in forno caldo a 180° per un 35 minuti circa.


Lo sapevate che la mozzarella…

... è un formaggio fresco a pasta filata originario dell'Italia meridionale e di alcune zone dell'Italia centrale, prodotto con latte di bufala o di mucca? Il termine mozzarella deriva da 'mozzare', in riferimento al taglio manuale eseguito con indice e pollice a partire dalla pasta filata ancora calda, allo scopo di creare le forma del formaggio stesso. Le origini della mozzarella si perdono nel tempo e gli autori non sono d'accordo sull'epoca in cui fu inventato questo latticino; ciò che è certo, comunque, è il fatto che esso ha una storia secolare e che, a causa della necessità di consumarla freschissima, la mozzarella, fino all'avvento delle ferrovie, veniva prodotta in piccole quantità ed era consumata esclusivamente nei pressi dei luoghi di produzione. Secondo alcuni il consumo della mozzarella risale al tempo della colonizzazione greca e all'introduzione del bufalo negli allevamenti delle colonie greche italiane. Secondo questi autori, i Greci, già in epoca classica (IV e V secolo a.C.) usavano la mozzarella per rifocillarsi durante le rappresentazioni teatrali. Altri storici fanno risalire la nascita della mozzarella al VI secolo d.C. attribuendola ai Longobardi. Le prime testimonianze storiche scritte riguardanti la produzione di mozzarella si hanno infatti in un documento longobardo, anche se più tardo, dell'XI secolo, che attesta che la principessa Aloara distribuiva una mozza (antico nome della mozzarella) ai monaci di un'abbazia situata alle porte di Aversa. Alcuni sostengono che la mozzarella sia stata inventata invece dai Normanni intorno all'XI secolo nella città di Aversa. Nel XII secolo altre fonti ci dicono che i monaci di un'abbazia che sorge nei pressi di Capua distribuivano una mozza in occasione dell'annuale pellegrinaggio. Nel XV secolo nelle Marche l'uso della mozza è molto comune, come si apprende da un documento del 1496 che la cita tra gli alimenti normalmente presenti sulle tavole dei nobili. Un importante documento scritto del 1570 testimonia l'uso della mozzarella anche nella mensa del papa: un cuoco della corte, Bartolomeo Scappi, la cita (per la prima volta con il termine ancor oggi usato) nell'elenco dei formaggi comunemente serviti. Una più ampia diffusione in Italia si ha a partire dal XVIII secolo. Presso la reggia di Carditello nasce una struttura per l'allevamento delle bufale e la lavorazione del latte. Iniziano pian piano a diffondersi le 'bufalare': edifici in muratura a pianta circolare, dotate di un camino centrale, dove veniva lavorato il latte di questi animali per ottenere vari formaggi. Le mozzarelle, facilmente e rapidamente deperibili, venivano avvolte da fogli di giunco o mortella e inserite in anfore. A partire dall'unità d'Italia si allestisce ad Aversa un mercato all'ingrosso di mozzarelle ed altri formaggi, chiamato la Taverna. Anche il latte vaccino viene sempre più impiegato per questo formaggio. Da quel momento la fama della mozzarella diventa nazionale e conquista presto anche i mercati esteri.
fonti: il Web
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ricette per stagione


Ricette...

Post più popolari

Categorie

Acciughe (7) Aglio (49) Agretti (1) Agrumi (43) Albumi (1) Alloro (13) Amaretti (4) Ananas (2) Aneto (1) Anice (1) Antipasti e finger food (14) Arancia (28) Asiago (1) Asparagi (5) Autunno (154) Avena (2) Barbabietola (5) Basilico (11) Besciamella (3) Bietola (1) Biscotti (18) Borragine (1) Broccoli (4) Cacao (20) Cachi (1) Caffè (2) Camembert (1) Canditi (10) Cannella (10) Capperi (2) Caprino (3) Carciofi (3) Cardi (1) Carne (2) Carnevale (2) Carote (14) Castagne (5) Castelmagno (1) Cavolfiore (2) Cavolini di Bruxelles (1) Cavolo (1) Cavolo nero (1) Cavolo Romano (1) Ceci (1) Chiodi di garofano (6) Cicoria (2) Cioccolato (25) Cipolle (39) Cipolline (1) Cipollotti (3) Cocco (1) Colatura d'alici (1) Coniglio (1) Conserve (3) Contest (44) Contorni (10) Cous Cous (2) Crackers (1) Creme e salse dolci (21) Crescenza (1) Crostate (11) Cumino (1) Curcuma (13) Curry (2) Datteri (1) Dolcetti (17) Dolci (75) Dolci al cucchiaio (10) Dolci per la colazione (15) Dolci per le occasioni (8) Enkir (1) Erba cipollina (1) Ernst Knam (2) Estate (126) Fagioli (4) Fagiolini (2) Farro (3) Fave (1) Festa della donna (2) Festa della mamma (1) Feta (3) Fichi (1) Fontina (1) Formaggi (56) Fragole (4) Frutta (25) Frutta sciroppata (8) Frutta secca (21) Frutti di bosco (4) Funghi (8) Gelato (1) Ginepro (3) Glasse e ganache (5) Gnocchi (6) Gomasio (2) Gorgonzola (1) Gruyère (2) Halloween (2) Insalate (1) Inverno (139) Lamponi (1) Lamponi. Liquori (2) Lasagne (4) Latte vegetale (6) Legumi (13) Lenticchie (3) Lievitati (5) Limoni (23) Liquori (2) Maggiorana (1) Mais (1) malto (2) Malva (1) Mandarini (1) Mandorle (5) Marmellata e Confettura (14) Marrons Glacés (2) Mascarpone (6) Mela Cotogna (1) Melagrana (1) Melanzane (3) Mele (1) Menta (1) Miele (5) Miglio (2) Minestre e vellutate (5) Mirtilli (3) Montasio (1) More (3) Mozzarella (1) Muffin e Cupcake (8) Natale (13) Nigella Lawson (1) Nocciole (5) Noce moscata (3) Noci (9) Nutella (1) Olive (4) Origano (2) Ortaggi (60) Orzo (3) Pane e Grissini (2) Panettone e Pandoro (4) Panna (13) Paprika (4) Parmigiano Reggiano (28) Pasta (25) Pasta all'uovo (16) Pasta brisè (2) Pasta frolla (24) Pasta ripiena (2) Pasta sfoglia (3) Patate (8) Pecorino (12) Peperoncino (1) Peperoni (2) Pere (4) Pesce (16) Pesche (4) Piatti unici (10) Piccola pasticceria (21) Pinoli (3) Piselli (3) Pistacchi (1) Polenta (1) Polpette (5) Polpettoni (1) Polpo (1) Pomodori secchi (5) Pomodoro (12) Porro (8) Preparazioni di base (13) Prezzemolo (8) Primavera (130) Primi piatti (71) Prosciutto (3) Quinoa (1) Radicchio (2) Rapa (1) Ravanello (1) Ribes (2) Ricette dal mondo (6) Ricette del riciclo (15) Ricette della salute (66) Ricette di famiglia (5) Ricette facili e veloci (40) Ricette light (9) Ricette regionali (11) Ricette vegan (65) Ricette vegetariane (155) Ricotta (2) Ricotta salata (1) Rimedi naturali (1) Riso (21) Robiola (3) Roquefort (1) Rosmarino (15) Rucola (2) Salame (1) Salmone (1) Salmone affumicato (3) Salse (2) Salsiccia (1) Salvia (23) San Valentino (7) Santa Lucia (2) Santoreggia (1) Scamorza affumicata (1) Secondi Piatti (9) Sedano (7) Seitan (2) Semi di papavero (1) Semi di sesamo (3) Senza glutine (57) Senza latte (78) Senza uova (129) Sgombro (2) Sorelle Simili (4) Speck (1) Spezie ed erbe aromatiche (47) Spinaci (1) Stracchino (1) Taleggio (1) Tartufo (1) Tempeh (1) Timo (5) Tofu (1) Tonno (1) Torte salate (2) Uvetta (1) Verza (2) Viaggi e gite (22) Vino (1) Vol-au-vent (1) Yogurt (2) Zafferano (3) Zenzero (6) Zucca (12) Zucchine (11)
Powered by Blogger.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Premi

Un ringraziamento ad Elisa, Inco, Enrica, Sabrina e Debora per aver pensato a me per questo premio:



e un ringraziamento a Magda per avermi assegnato questo premio:


e un ringraziamento anche a Doris per questo premio:



e a Claudia per questo premio:



e ringrazio Rita per questo premio:



e Rachele e Rita per questo premio:



e sempre Rita per questo portafortuna:



e Barbara per questo premio:



e Valentina per questo premio:



e Sabry ed Erica per questo:



e Cinzia per questo:

e Debora per questi:



e Ale per questo: