sabato 26 luglio 2014

Polpette vegan di zucchine e patate crude



Le polpette sono una di quelle preparazioni talmente versatili che in un modo o nell'altro piacciono a tutti. Sono perfette come finger food, e in genere sono anche molto amate dai bambini. Ne esistono infinite varianti, ognuno ha la sua preferita, la più classica è quella con la carne, ma io trovo ottime quelle di verdure. E le polpette che propongo oggi appartengono proprio a questa categoria visto che sono a base di patate e zucchine. Si preparano in pochissimo tempo, giusto il tempo di lavare le verdure, chiedere aiuto a un tritatutto, formare le polpette e via in forno! Sono nate da un esperimento, dall'idea di provare a prepararle senza cuocere preventivamente le verdure. Ve le consiglio visto che il risultato in termini di gusto non cambia, in compenso però si sporca meno e si fa più in fretta!!!

Polpettine veg alle zucchine e patate crude


Ingredienti:
  • 3 zucchine piccole
  • Una patata media
  • Un pezzetto di cipolla
  • Uno spicchio d’aglio
  • 50 g di pane secco ammollato per qualche minuto nell’acqua e strizzato bene
  • Qualche foglia di basilico
  • Qualche cucchiaio di pangrattato
  • Olio extravergine q.b.
  • Sale q.b.

Accendere il forno a 180°. Frullare tutti gli ingredienti ad eccezione del pangrattato finchè si otterrà un composto omogeneo. Regolare di sale e aggiungere pangrattato quanto basta per ottenere un composto da cui si possano ricavare delle polpettine. Dare la forma alle polpette, passarle nel pangrattato e disporle in una pirofila oleata con un filo d’olio. Una volta terminato, irrorare con un filo d’olio le polpette e infornare in forno caldo per una mezz’oretta circa.  
  
Lo sapevate che la polpetta...
.. ha un'etimologia che è, ancora oggi, non del tutto chiara? Secondo alcune interpretazioni, il termine potrebbe derivare dal francese paupière (palpebra), poiché si vuol individuare, nella loro preparazione, un movimento delle mani simile a quello delle palpebre, quando si chiudono per proteggere gli occhi. Considerando però - come ci dice Maestro Martino - che in origine le polpette non erano fatte con carne macinata e quindi non c'era nessuna particolare manualità alla quale poter collegare la parola paupière, è più probabile che l'etimo sia da individuare nel tipo di carne anticamente privilegiata per questa pietanza: il taglio più tenero del vitello o del cervo, cioè la polpa.
fonte: Wki
sabato 19 luglio 2014

Lasagne vegane cremose


Una lasagna leggera e completamente vegan ma non per questo poco sfiziosa e priva di sapore!! Per chi pensa che mangiare vegan sia un sacrificio e voglia dire rinunciare al gusto!! 

Lasagne vegane alle verdure

Ingredienti:
  • 200 g di lasagne di semola
  • 4 zucchine
  • 2 carote
  • Un pezzetto di cipolla
  • Uno spicchio d’aglio
  • Un paio di foglia di salvia
  • Qualche foglia di basilico
  • Mezzo cucchiaino di curcuma
  • Sale q.b. 
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
Ingredienti per la besciamella vegan:
  • 5-6 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • 65 g di farina
  • 750 g di latte vegetale (o brodo  o acqua)
  • Noce moscata q.b.
  • Sale q.b.

In una padella far rosolare l'aglio e la cipolla tritata con un filo d'olio evo. Aggiungere poi le zucchine e le carote tagliate a pezzetti, la salvia e la curcuma e regolare di sale. Far cuocere lasciando le verdure al dente. Intanto preparare la besciamella: in un pentolino aggiungere all'olio, sempre mescolando, la farina setacciata. Porre sul fuoco e far cuocere per qualche minuto mescolando continuamente. Togliere il pentolino dal fuoco e unire il latte vegetale caldo mescolando bene. Porre nuovamente sul fuoco e continuare la cottura finchè la besciamella non avrà raggiunto la consistenza desiderata. Aggiungere poi il sale e la noce moscata.  Intanto sbollentare le lasagne in acqua bollente con un filo d’olio. Disporre uno strato di sfoglia in una pirofila leggermente unta, ricoprire con un po’ di verdure, qualche pezzetto di basilico e poi con la besciamella. Continuare fino ad esaurimento degli ingredienti. Porre in forno caldo a 180° per 35-40 minuti circa.

Lo sapevate che le zucchine...

... hanno un bassissimo valore calorico e sono composte per il 95% d'acqua? Contengono le vitamine A e C e carotenoidi, che apportano una consistente azione antitumorale.Sono riconosciute molto utili per astenie, infiammazioni urinarie, insufficienze renali, dispepsie, enteriti, stipsi, affezioni cardiache e diabete. Inoltre, fin dall'antichità venivano utilizzare per favorire il sonno, rilassare la mente, ed era particolarmente indicato per chi si sentiva spossato. Inoltre è provato che l'azione delle zucchine sulla nostra pelle è molto benefica giacché favorisce l'abbronzatura (essendo molto presente la vitamina A) e ne combatte l'invecchiamento.
fonte: Wiki
venerdì 11 luglio 2014

Crostata alla crema di limone e frutti di bosco


Altra ricetta di un dolce che trovo ottimo per l'estate e, anche se stavolta bisogna accendere il forno, ne vale la pena. E' una crostata che ha come base una frolla alle mandorle e come ripieno una crema che sprigiona tutto il profumo e la freschezza dei limoni e che non ha grassi, visto che è fatta con l'acqua e non contiene nè uova, nè burro. La crema non potrebbe essere più light di così e quindi compensa i grassi della base, però, se volete una torta 100% vegan o semplicemente più leggera, potete usare questa o questa ricetta di frolla invece di quella sotto.  E' già perfetta così, come esce dal forno, ma potete arricchirla disponendovi sopra della frutta a piacere. Io ho scelto i frutti di bosco che, oltre ad essere buonissimi, sono un concentrato di salute!

Crostata alla crema di limone e frutti di bosco


Ingredienti per la frolla:
  • 350 g di farina 00
  • 100 g di mandorle
  • 140 g di zucchero a velo
  • 210 g di burro freddo
  • 7 g  di lievito per dolci
  • Scorza grattugiata di un limone
  • 30-35 g di acqua
  • Vaniglia
Ingredienti per la crema al limone e limoncello:
  • 220 g di acqua
  • 30 g di limoncello
  • 50 g di succo di limone
  • 50 g di fecola di patate
  • 150 g di zucchero 
  • Scorza grattugiata di due limoni
Per completare:
  • Frutti di  bosco misti q.b.
  • Zucchero a velo q.b. 

Ridurre in polvere le mandorle tritandole con la farina. Impastare il burro con lo zucchero, aggiungere la farina e le mandorle, il lievito, la scorza grattugiata, la vaniglia e l'acqua. Quando si sarà ottenuto un composto omogeneo, formare una palla, avvolgerla nella pellicola e farla riposare in frigo per almeno una mezz’oretta. Intanto preparare la crema mettendo in una pentola la fecola setacciata, lo zucchero e la scorza. Aggiungere a filo l'acqua, il limoncello e il succo di limone, sempre mescolando. Far cuocere a fiamma bassa, mescolando finchè la crema si sarà un po' addensata. Far raffreddare. Preriscaldare il forno a 180°. Stendere l'impasto nello stampo ad uno spessore di 3-4 mm, coprire con la crema e far cuocere per 45-50 minuti circa nel ripiano più basso del forno. Una volta raffreddata, ricoprire di frutti di bosco e spolverizzare con lo zucchero a velo. Far riposare in frigo almeno un paio d'ore prima del consumo.

Lo sapevate che il limoncello...
... è un liquore dolce ottenuto dalla macerazione in alcol etilico delle scorze del limone ed eventualmente di altri agrumi, miscelata in seguito con uno sciroppo di acqua e zucchero? Generalmente, si utilizza per l'infusione alcol etilico a gradazione di almeno 90%, in cui vengono macerate le scorze (solo la parte gialla) di dieci grossi limoni per ogni litro di alcol. Il periodo di macerazione varia a seconda delle ricette ma mediamente si aggira sui venti giorni, dopodiché viene aggiunto lo sciroppo, in cui le porzioni sono sommariamente di 600-700 grammi di zucchero per litro d'acqua. Il liquore viene quindi filtrato e imbottigliato. Mediamente dopo almeno un mese di maturazione (ma per certe ricette la durata è molto minore) in bottiglia, diviene il classico liquore giallo da gustare sia come aperitivo che come digestivo dopo i pasti. Secondo la tradizione il limoncello nasce agli inizi del Novecento e la sua paternità viene contesa tra sorrentini, amalfitani e capresi: molto rinomato infatti è quello prodotto in Campania utilizzando il limone di Sorrento (il "femminello") o lo sfusato amalfitano IGP. Il termine "limoncello" è consentito solo per i liquori prodotti con gli agrumi IGP della penisola sorrentina. In seguito alla popolarita’ raggiunta dal Limoncello in Italia, anche gli Stati Uniti hanno iniziato a produrre limoncello usando i limoni della California che equivalgono al 90% della produzione nazionale.
fonte: Wikipedia
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Mi trovate anche qui:

Mi trovate anche qui:
...per scoprire un'agricoltura più naturale e rispettosa della natura e della salute umana con tanti prodotti tra cui lo zafferano del Monferrato!!!

Ricette per stagione


Ricette...

Post più popolari

Categorie

Acciughe (7) Aglio (49) Agretti (1) Agrumi (43) Albumi (1) Alloro (13) Amaretti (4) Ananas (2) Aneto (1) Anice (1) Antipasti e finger food (14) Arancia (28) Asiago (1) Asparagi (5) Autunno (154) Avena (2) Barbabietola (5) Basilico (11) Besciamella (3) Bietola (1) Biscotti (18) Borragine (1) Broccoli (4) Cacao (20) Cachi (1) Caffè (2) Camembert (1) Canditi (10) Cannella (10) Capperi (2) Caprino (3) Carciofi (3) Cardi (1) Carne (2) Carnevale (2) Carote (14) Castagne (5) Castelmagno (1) Cavolfiore (2) Cavolini di Bruxelles (1) Cavolo (1) Cavolo nero (1) Cavolo Romano (1) Ceci (1) Chiodi di garofano (6) Cicoria (2) Cioccolato (25) Cipolle (39) Cipolline (1) Cipollotti (3) Cocco (1) Colatura d'alici (1) Coniglio (1) Conserve (3) Contest (44) Contorni (10) Cous Cous (2) Crackers (1) Creme e salse dolci (21) Crescenza (1) Crostate (11) Cumino (1) Curcuma (13) Curry (2) Datteri (1) Dolcetti (17) Dolci (75) Dolci al cucchiaio (10) Dolci per la colazione (15) Dolci per le occasioni (8) Enkir (1) Erba cipollina (1) Ernst Knam (2) Estate (126) Fagioli (4) Fagiolini (2) Farro (3) Fave (1) Festa della donna (2) Festa della mamma (1) Feta (3) Fichi (1) Fontina (1) Formaggi (56) Fragole (4) Frutta (25) Frutta sciroppata (8) Frutta secca (21) Frutti di bosco (4) Funghi (8) Gelato (1) Ginepro (3) Glasse e ganache (5) Gnocchi (6) Gomasio (2) Gorgonzola (1) Gruyère (2) Halloween (2) Insalate (1) Inverno (139) Lamponi (1) Lamponi. Liquori (2) Lasagne (4) Latte vegetale (6) Legumi (13) Lenticchie (3) Lievitati (5) Limoni (23) Liquori (2) Maggiorana (1) Mais (1) malto (2) Malva (1) Mandarini (1) Mandorle (5) Marmellata e Confettura (14) Marrons Glacés (2) Mascarpone (6) Mela Cotogna (1) Melagrana (1) Melanzane (3) Mele (1) Menta (1) Miele (5) Miglio (2) Minestre e vellutate (5) Mirtilli (3) Montasio (1) More (3) Mozzarella (1) Muffin e Cupcake (8) Natale (13) Nigella Lawson (1) Nocciole (5) Noce moscata (3) Noci (9) Nutella (1) Olive (4) Origano (2) Ortaggi (60) Orzo (3) Pane e Grissini (2) Panettone e Pandoro (4) Panna (13) Paprika (4) Parmigiano Reggiano (28) Pasta (25) Pasta all'uovo (16) Pasta brisè (2) Pasta frolla (24) Pasta ripiena (2) Pasta sfoglia (3) Patate (8) Pecorino (12) Peperoncino (1) Peperoni (2) Pere (4) Pesce (16) Pesche (4) Piatti unici (10) Piccola pasticceria (21) Pinoli (3) Piselli (3) Pistacchi (1) Polenta (1) Polpette (5) Polpettoni (1) Polpo (1) Pomodori secchi (5) Pomodoro (12) Porro (8) Preparazioni di base (13) Prezzemolo (8) Primavera (130) Primi piatti (71) Prosciutto (3) Quinoa (1) Radicchio (2) Rapa (1) Ravanello (1) Ribes (2) Ricette dal mondo (6) Ricette del riciclo (15) Ricette della salute (66) Ricette di famiglia (5) Ricette facili e veloci (40) Ricette light (9) Ricette regionali (11) Ricette vegan (65) Ricette vegetariane (155) Ricotta (2) Ricotta salata (1) Rimedi naturali (1) Riso (21) Robiola (3) Roquefort (1) Rosmarino (15) Rucola (2) Salame (1) Salmone (1) Salmone affumicato (3) Salse (2) Salsiccia (1) Salvia (23) San Valentino (7) Santa Lucia (2) Santoreggia (1) Scamorza affumicata (1) Secondi Piatti (9) Sedano (7) Seitan (2) Semi di papavero (1) Semi di sesamo (3) Senza glutine (57) Senza latte (78) Senza uova (129) Sgombro (2) Sorelle Simili (4) Speck (1) Spezie ed erbe aromatiche (47) Spinaci (1) Stracchino (1) Taleggio (1) Tartufo (1) Tempeh (1) Timo (5) Tofu (1) Tonno (1) Torte salate (2) Uvetta (1) Verza (2) Viaggi e gite (22) Vino (1) Vol-au-vent (1) Yogurt (2) Zafferano (3) Zenzero (6) Zucca (12) Zucchine (11)
Powered by Blogger.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Premi

Un ringraziamento ad Elisa, Inco, Enrica, Sabrina e Debora per aver pensato a me per questo premio:



e un ringraziamento a Magda per avermi assegnato questo premio:


e un ringraziamento anche a Doris per questo premio:



e a Claudia per questo premio:



e ringrazio Rita per questo premio:



e Rachele e Rita per questo premio:



e sempre Rita per questo portafortuna:



e Barbara per questo premio:



e Valentina per questo premio:



e Sabry ed Erica per questo:



e Cinzia per questo:

e Debora per questi:



e Ale per questo: