sabato 25 febbraio 2012

Grissini d'oro

Questi grissini nascono da un'idea venuta per caso, modificando la ricetta dei grissini che faccio ogni tanto....Non pensavo mi sarebbe piaciuto così tanto l'abbinamento di zafferano e semi di sesamo... Una vera scoperta...
Grissini allo Zafferano e Semi di Sesamo


Ingredienti:
  • 200  di farina 00
  • 100 g di acqua tiepida 
  • 3 g di lievito secco (o 10 g di lievito di birra fresco)
  • Una bustina di zafferano
  • 4 g di sale
  • 2 cucchiai d'olio extravergine d’oliva
  • Semi di sesamo q.b.
Sciogliere il lievito e lo zafferano nell’acqua e unire il tutto alla farina. Amalgamare bene e aggiungere l’olio e il sale. Impastare fino ad ottenere un impasto omogeneo e porre a lievitare coperto per un’ora. Preriscaldare il forno a 200 °. Formare dei salamini sottili ( se li volete più croccanti fateli più fini perchè gonfiano in cottura, altrimenti, se li preferite più morbidi e friabili, fateli più spessi), spennellarli leggermente con un po’ d’acqua e rotolarli nei semi di sesamo. Infornare per 25 minuti circa.
Con questa ricetta partecipo al contest  "Colors&Food"

Lo sapevate che lo Zafferano …

...si ottiene dagli stimmi essiccati del fiore del Crocus sativus, una pianta della famiglia delle Iridaceae, coltivata in Asia minore e in molti paesi del bacino del Mediterraneo? La parola zafferano deriva dal termine latino "safranum", che a sua volta viene dall'arabo zaʻfarān (che significa "giallo"). Già nell'antichità lo zafferano veniva usato per le sue proprietà stimolanti, afrodisiache, antispasmodiche, emmenagoghe e antidepressive; in alcuni testi medici persiani ne venivano esaltati i benefici per quanto riguarda disturbi respiratori e ulcere allo stomaco. Secondo la mitologia greca, il dio Ermes utilizzava lo zafferano come afrodisiaco per stimolare il desiderio e la prestanza: questa spezia, infatti, ha dimostrato di agire sulle ghiandole surrenali, stimolando la produzione di ormoni quali l’adrenalina e il cortisolo importanti nella sfera intima. Le spose dell’antica Roma portavano veli tinti con lo zafferano e questa tradizione giunse fino al Medioevo: le nobili dame sotto gli abiti nuziali indossavano, infatti, una tunica di seta anch’essa tinta con lo zafferano,  probabilmente per le proprietà afrodisiache attribuite alla spezia. Usato fin dall'antichità per la sua capacità di insaporire i cibi, è stato, inoltre, adoperato per secoli per colorare di giallo le stoffe più preziose, per preparare unguenti e profumi, per tingere le bende delle mummie egiziane. Il mito greco attribuisce la nascita dello zafferano all’amore di Croco, un mortale, per la ninfa Smilace che, però, era ostacolato dagli dei. Croco fu così  trasformato nella pianta dello zafferano e la ninfa in quella sempre verde del tasso.
I popoli dell’antichità quali Egiziani, Greci, Romani, Cinesi e Indiani, se ne servivano per la preparazione  di  profumi,  unguenti e  belletti,
le donne si tingevano le guance, le labbra, le unghie e i capelli con questa spezia e perfino Cleopatra lo  usava per  dare un tocco dorato alla pelle. Non si conosce con certezza l’esatta provenienza di questa pianta, ma si sa che dopo l’invasione araba della Spagna nel 961 a.C., vi fu un incremento notevole dell’uso di zafferano nel bacino del Mediterraneo. La Spagna, intuendone le potenzialità come fonte li guadagno, cercò di ottenere il monopolio della coltivazione emanando leggi severissime nei confronti di chi cercava di esportare i bulbi fuori dal paese: era prevista la prigione o addirittura la morte. Padre Cantucci (o, come citato in altri documenti, Santucci), inquisitore all’epoca di Filippo II, riuscì a portare però la pianta in Abruzzo, a Navelli. Nel Medioevo lo zafferano era un vero e proprio simbolo di ricchezza: 500 g valevano quanto un cavallo.  In breve, comunque, lo zafferano s’impose in tutto il Paese e divenne il "re della cucina", grazie al suo sapore e al suo profumo così intenso ed aromatico. Anche l’Inghilterra apprezzava molto lo zafferano e il sovrano inglese Enrico II lo amava talmente tanto che proibì alle dame della sua corte di utilizzarlo per tingersi i capelli.
In Italia le colture più estese si trovano in Abruzzo, nelle Marche e in Sardegna; altre zone di coltivazione degne di nota si trovano in Umbria e in Toscana.

10 commenti:

  1. Ciao...oggi sono arrivata al tuo blog....piacere di conoscerti....i tuoi grissini sono veramente sfiziosi...da provare...ti rubo la ricetta (adoro lo zafferano)e mi aggiungo ai tuoi followers! passa anche da me se ti va! baci

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. ciao! Ben arrivata!! Sia nel mondo del food blog, sia al nostro contest :) I tuoi grissini sono golosissimi, belli e ben fatti, e tra l'altro quelli al sesamo sono i miei stra-preferiti, anch'io ne ho una ricetta già pronta da postare, ma ora proverò a farli con lo zafferano :
    grazie mille per aver partecipato, ovviamente ti aspettiamo anche ai prossimi appuntamenti, vero? Quello di marzo sarà da Valentina, la mia socia di contest :) buona domenica!

    RispondiElimina
  4. Bellissimi ma, d'altronde, con una colonna sonora così... ;)

    RispondiElimina
  5. @ Miss muffin: fammi sapere che ne dici se li provi!!!! felice di conoscerti!!! :-)

    @ Cinzia: grazie!!!! sarò felice di esserci anche per i prossimi appuntamenti, è un contest davvero bellissimo!!!! :-)

    @ Nus in cucina: anch'io amo molto quella canzone!!! ;-)

    RispondiElimina
  6. ti ringrazio!!!! sei davvero gentile!!!! :-)

    RispondiElimina
  7. Ciao! Piacere di conoscerti! Mi chiamo Doris, ho scoperto stamattina il tuo blog e volevo afrti i complimenti perchè è davvero molto bello e tu sei molto brava! Ti seguo! Ciao!

    RispondiElimina
  8. che meraviglia!!! io ho fatto i crackers, con lo zafferano, e ci ho piazzato i semi di girasole... erano squisiti!!! bravissima!!!

    RispondiElimina
  9. @ Doris: sei davvero molto gentile,, ti ringrazio!!!! felice di conoscerti!!!!! :-)

    @ Monica: immagino fossero stati ottimi con i semi di girasole!!!! non avevo mai provato lo zafferano in preparazioni come i grissini e sono stata felicemente sorpresa del sapore!!!! mi è piaciuto molto!!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Mi trovate anche qui:

Mi trovate anche qui:
...per scoprire un'agricoltura più naturale e rispettosa della natura e della salute umana con tanti prodotti tra cui lo zafferano del Monferrato!!!

Ricette per stagione


Ricette...